COMUNICATI STAMPA

22/4/2016 la replica dei 4 dissidenti del Pd napoletano a RETENEWS 24: “Fratelli coltelli? Noi come Antigone…”

“Come Antigone, nella tragedia dei conflitti politici napoletani noi non riusciamo a scegliere tra i due fratelli della famiglia Craxi: un nome e una storia importanti nel nostro paese, ma non proprio coincidente con il nostro pedigree” -chiariscono Nazario Malandrino e Paola de Gennaro, un tempo Segretari DS della Casa del Popolo “Gramsci” di Ponticelli e della sezione “Bertoli-4Giornate” del Vomero -“Semmai la scelta di Socialdema.org tenta di tenere unite, come faceva Antigone, due nature: da una parte, Social Forum, new global, Movimento; dall’altra socialdemocrazia, formazione politica, Partito. Scegliamo De Magistris proprio per liberare energie e idee che non trovano spazio né nel PD né in Cinque stelle”.



Comunicato del 19/4/2016: NASCE SOCIALDEMA!

I quattro fuoriusciti dal PD, Paola De Gennaro, Nazario Malandrino, Antonello Simeoli, Nino Simeone inaugurano oggi  la piattaforma Socialdema.org ed il gruppo Facebook “noi cambiamo strada”. Voglia di fare proseliti? “ma anche di sperimentarsi su nuovi temi” spiegano Paola De Gennaro e Nino Simeone, “come la semplificazione del linguaggio nell’era dei social” e “le alternative della partecipazione democratica tra primarie e cinque stelle”. Nazario Malandrino, docente di filosofia, ribadisce: “Stiamo lavorando anche su alcuni punti programmatici da proporre i martedì ad Agorà DemA, lo spazio lanciato da De Magistris, ma le sciocchezze scientifiche propagandate durante la campagna referendaria e l’imbarbarimento delle forme di comunicazione su internet ci hanno convinto ad insistere su questi temi e pensare a come organizzarci, grazie anche all’arrivo di altri validi sostenitori come Sara Rombetti, docente di scienze e Ines Picardi con la sua grande esperienza di organizzazione sindacale”. Da qui l’Appello ai tanti democratici, che hanno scelto “il disimpegno e l’astensione come forma di legittima difesa e di decoro morale”, in un nuovo documento che va infatti oltre il giudizio sulle primarie e sul referendum e si erge critico verso le “nuove forme di partecipazione che non aggregano, non formano, non emancipano.”

 

Comunicato del 15/3/2017:  SOCIALDEMA a Convegno
“La Sinistra all’Esame di Maturità”

Parleremo di alternative alle primarie e a cinque stelle: alle nuove forme di partecipazione che non aggregano, non formano, non emancipano e che spingono tanti verso il disimpegno e l’astensione quali forme di legittima difesa e di decoro morale. Di condizionamenti democratici e di controllo del potere, nelle aziende, nella scuola, nel paese Dell’alternativa al vuoto che si è creato dopo la smobilitazione e rottamazione delle sezioni di partito, ma anche della necessità di mettere in circuito energie propositive che non possono vivere solo nello spazio di un corteo o di un like su facebook.
Stiamo lavorando anche su alcuni punti programmatici proposti ad Agorà Dema l’anno scorso e non ancora entrati nell’agenda del Sindaco, come i protocolli di intervento nel caso di occupazioni selvagge, il contrasto alla devianza minorile, il bilancio culturale partecipato, il forum delle Economie del Mediterraneo a Napoli, cioè come costruire la pace partendo dalle vocazioni turistiche e commerciali delle città di mare, ma soprattutto la Questione senzatetto: come passare dalle politiche di gestione di interventi di emergenza a favore dell’homelessness alla riduzione totale del fenomeno… “Napoli, prima città in cui nessuno dormirà per strada”… un anno fa non ci ascoltava nessuno, oggi speriamo che il sacrificio di Marcello Cimino rappresenti l’occasione per passare dalla logica dell’urgenza all’urgenza di una logica.
Concluderemo sfidando i nostri interlocutori ad uno sforzo di sintesi sulle inconciliabilità della sinistra moderna: diritti e mercato; libertà e sicurezza; diversità e integrazione; etica e scienza; sviluppismo e ambientalismo. Capiremo se davvero l’esperienza napoletana degli ultimi anni è matura al punto da progettare la rotta per un riscatto capace di coinvolgere ed entusiasmare l’intero Mezzogiorno.

 

 

Comunicato del 10/7/2017 
Socialdema in DemA, la fusione degli orizzonti.

Domani 11.07.17 alle 18:30 l’assemblea DemA alla Domus Ars in cui si attende la formalizzazione dell’avvicinamento di SocialDema a DemA. Convergenze e contaminazioni preparate da tempo, dai tavoli programmatici di Agorà, dall’ingresso di Nino Simeone in consiglio comunale, agli appelli e ai convegni organizzati nei mesi. Punto di riferimento il Sindaco, ma anche Claudio de Magistris, Segretario di DemA, con cui si condivide più di qualche affinità elettiva. “Ci siamo avvicinati a DemA all’epoca del referendum sulle trivelle e del disastro annunciato delle primarie Pd” spiega Paola De Gennaro “e abbiamo trovato in Claudio l’interlocutore ideale sul tema delle nuove forme di partecipazione che non aggregano e non emancipano e che spingono tanti cittadini verso il disimpegno e l’astensione. Sono forme di legittima difesa, di decoro morale se vogliamo, che non trovano espressione, a differenza di quel Popolo che invece il Sindaco è riuscito indubbiamente a magnetizzare e coinvolgere in forme nuove”. Da qui l’impegno diretto nella costruzione di DemA “Con Nino Simeone,- spiega Nazario Malandrino, frontman di SocialDema – e con l’ingresso di tanti Amministratori dai comuni di provincia e dal resto di Italia, intendiamo rafforzare un po’ l’altra gamba di DemA, che è Autonomia e Alternativa di governo ma anche nuova forma di Democrazia. Se i Sindaci hanno bisogno di prendere decisioni veloci e dirigere organizzazioni complesse, è evidente che lo spazio per immaginare nuove forme di rappresentanza più che nei consigli comunali, è il laboratorio politico di DemA. Da qui costruire non solo un nuovo Partito, ma una nuova Idea di Partito: dopo la smobilitazione e rottamazione dei circoli territoriali, a tutto il mondo della sinistra democratica occorre un Upgrade, ripensare il suo modello organizzativo e fare uno sforzo di sintesi sui temi che nel ‘900 erano inconciliabili: diritti e mercato; libertà e sicurezza; diversità e integrazione; etica e scienza; sviluppismo e ambientalismo, soprattutto, nel caso napoletano, legalità e legittimità. DemA sarà questo spazio che manca.”

 

 

_____________________________________________

Contattaci:

socialdema@gmail.com

 nazario.malandrino@gmail.com  (WEB master)

paola.degennaro@virgilio.it

antoniosimeoli@libero.it

simeone.nino@gmail.com

smartphone: +39 3389567565


 NON ARRENDERTI A QUESTO…
——————————————————————–

SCEGLI QUESTO …

Annunci